logo Parrucchiere Rockstar Home Il Salone Staff Listino Prenota blog Blog Welcome Box Limited edition Lavora con noi Contatti
SEI UN TIPO PIXIE?
Torna al Blog

SEI UN TIPO PIXIE?

SEI UN TIPO PIXIE?

Scopriamo il successo del taglio extra corto più famoso

È vero, come diceva Coco Chanel, che una donna che decide di tagliare i capelli è in procinto di cambiare vita?

Il taglio di capelli, le mode e le scelte individuali che portano a preferire un’acconciatura rispetto ad un’altra, sono spesso sintesi e simbolo di una trasformazione. Il taglio alla garçonne (taglio maschile) venne adottato per la prima volta dalle donne negli anni ’20.

La versione più sofisticata aveva assunto il nome di Eton, ispirato al modo in cui gli studenti dell’omonimo college portavano i capelli...ovvero un po’ più lunghi rispetto alle tendenze del momento. Questo taglio spingeva un po’ più in su l’asticella “rivoluzionaria” su cui le flappers avevano posizionato il bob. Ora, per la prima volta, le donne scoprivano le orecchie, portando i capelli all’indietro, anche con l’aiuto della brillantina.

Scegliere il taglio boysh, per le donne dell’epoca, poteva significare un atto di ribellione, una provocazione oppure la voglia di “sparigliare le carte” dei generi. Una sorta di movimento genderness ante litteram. L’eleganza dello stile maschile venne adottato dalle donne emancipate e chic del tempo, in particolare dalle berlinesi della Repubblica di Weimar e dalle studentesse della Bauhaus, la scuola di arte e design che influenzò il modernismo nel mondo.

Questo taglio prevede una riga laterale profonda, è molto corto sulla nuca e più lungo sulla zona occipitale e prevede un ciuffo lungo sulla fronte.

Il cinema diede uno slancio importante a questo stile, grazie ad attrici iconiche come Marlene Dietrich e Katharine Hepburn. E poi ancora Audrey Hepburn, che nel 1953 in “Vacanze romane” sfoggiò un taglio pixie per esprimere la voglia di liberà di una principessa.

Negli anni ’60 si imposero le linee nette e geometriche di Vidal Sassoon, con il suo “taglio a 5 punte”, perfetta narrazione della Swinging London. Ecco che di nuovo il taglio corto torna a rompere le regole dominanti.

Basta ricordare infatti che negli anni ’50 e ’60 l’estetica femminile era caratterizzata da acconciature ingombranti, vaporose e spesso posticce. L’esigenza di minimalismo, di praticità e cambiamento aprì nuovamente la strada ai tagli cortissimi e le attrici non persero l’occasione di farsene testimoni, come fecero Mia Farrow e Jean Seberg.

Le donne non hanno più smesso di amare i capelli corti, la scelta ideale per chi vuole un haircut grintoso, in grado di valorizzare lineamenti e dare personalità.

Il pixie può essere rock oppure bon ton, tutto dipende dai propri lineamenti e dal carattere. Quel che è certo è che quasi tutte le celebrities prima o poi si lasciano conquistare da questo stile, per comunicare un passaggio importante, una crescita anagrafica o professionale e imporsi sul red carpet. Come hanno dimostrato Michelle Williams, Wynona Ryder, Demi Moore, Miley Cyrus, Scarlett Johansson, Anne Hathaway, Charlize Theron e molte altre! I

l pixie cut deve essere scelto attentamente per valorizzare chi lo desidera, perché è un tipo di taglio che mette in evidenza i lineamenti e si adatta più facilmente a chi ha un volto regolare e armonico.

Per i visi tondi è bene sfoltire la parte posteriore e lavorate sui volumi sulla parte alta e sul ciuffo laterale. Per chi ha il viso quadrato o lungo, invece, occorre alleggerire il taglio il più possibile e optare per le lunghezze sul collo.

Gli hairstylist di Parrucchiere Rockstar offrono una consulenza gratuita per aiutare le nostre clienti a fare la scelta migliore e ottenere il look che desiderano in linea con le loro caratteristiche!

Prenota la tua consulenza o il tuo prossimo taglio chiamando il numero 06/39740332 oppure mandando un messaggio WhatsApp allo 3316741051.